- Capire l'Asma
- Diagnostica Pneumologica
- Linee Guida Diagnostico-Terapeutiche dell'Asma
- Guida all'esecuzione della Spirometria
- Asma: situazioni particolari
- Prevenzione delle Malattie Allergiche
- Calendario Pollinico


Diagnosi Pneumologica
VII. BRONCOSCOPIA E PROCEDURE CORRELATE

Generalità sull'esame: La broncoscopia è una procedura che consente di osservare direttamente la laringe, la trachea ed i bronchi, attraverso le quali l'aria raggiunge i polmoni. E' effettuata da uno Specialista Pneumologo in un ambulatorio diagnostico appositamente attrezzato.

E' un esame di secondo livello che tradizionalmente viene utilizzato per la diagnosi delle neoplasie polmonari, ma negli ultimi dieci anni sono aumentate le indicazioni anche per alcune malattie infiammatorie, e in particolare per le malattie dell'interstizio e le fibrosi polmonari, soprattutto la sarcoidosi, e recentemente per le malattie ostruttive bronchiali come l'asma bronchiale e la BPCO, dove l'esame delle cellule dei tessuti bronchiali permette una diagnosi più precisa.

Un sottile tubo a fibre ottiche viene introdotto attraverso le cavità nasali o la cavità orale per esaminare le vie aeree e prelevare campioni di lavaggio bronchiale o di tessuto bronco-polmonare

La preparazione: L'esame deve essere preceduto dall'esecuzione di un elettrocardiogramma e da alcuni esami ematochimici, per permettere di individuare alcune malattie come ad esempio le cardiopatie in fase instabile che controindicano l'esame.
Il paziente deve presentarsi a digiuno da almeno 12 ore, con un accompagnatore e con tutta la documentazione clinica relativa alla sua malattia.
Per rilassare il paziente e per ridurne il disagio viene eseguita una premedicazione con farmaci sedativi ed uníanestesia locale .

L'esecuzione dell'esame
: dopo la fase di preparazione uno speciale strumento flessibile chiamato fibrobroncoscopio, sarà inserito attraverso la bocca o il naso. Il fibrobroncoscopio sarà poi spinto dolcemente nelle vie respiratorie e saranno ottenuti dei campioni di tessuto.
Il broncoscopio non determina ostruzione completa delle vie respiratorie e pertanto non compromette la respirazione. In ogni modo la respirazione sarà tenuta sotto controllo mediante un apparecchio chiamato pulso-ossimetro che consente di valutare la necessità di somministrare ossigeno supplementare.
La durata dell'esame è in media di 10-15 minuti ma la durata complessiva comprendente le fasi preoparatorie e finali è di circa 1 ora.

Dopo l'esame: al termine dell'esame, dopo un periodo di osservazione variabile in base all'andamento dell'esame stesso, si può tornare al domicilio, ma è opportuno:
- non guidare
- rimanere a digiuno per altre 2 ore
- rimanere a riposo per 24 ore

Dopo qualche ora dal termine dell'esame può comparire un lieve bruciore alla gola che normalmente passa in uno o due giorni. Le complicazioni sono rare ma se compare difficoltà alla respirazione oppure febbre elevata, tosse con abbondante sputo ematico, ecc. Ë opportuno rivolgersi a un medico.